Al Cinema Cappuccini in collaborazione col. Cai di Genova, Ritorno sui Monti Naviganti

Ultimi articoli
Newsletter

Genova | giovedì 19 aprile alle 21.15

Al Cinema Cappuccini in collaborazione col
Cai di Genova, Ritorno sui Monti Naviganti

P. Rumiz a dieci anni dal successo del suo primo viaggio in Appennino

di Aldo Carpineti

Scillitani e Rumiz
Scillitani e Rumiz

Giovedì 19 Aprile ore 21: 15
una serata in collaborazione con
 CAI Sezione Ligure -Genova
al Cinema Cappuccini Ppiazza Cappuccini 1 )
RITORNO SUI MONTI NAVIGANTI
di Alessandro Scillitani
Italia 2017 | Documentario | 70 '
A dieci anni dal successo del suo primo viaggio in Appennino - e dal libro che ha contribuito alla riscoperta del camminare e del vivere con lentezza - Paolo Rumiz ritorna su quelle montagne.
Tra territori e comunità in grande cambiamento, in bilico tra terremoti o dissesti idrogeologici, il giornalista e scrittore triestino osserva la rinascita di questi territori scendendo lungo la spina dorsale del Paese.
Saranno presenti in sala per il commento: il regista Alessandro Scillitani, Elisa Brivio - ricerche e aiuto regia e Gian Carlo Nardi -Club Alpino Italiano
Trama: In un'Italia che, come tanti altri Paesi, sta perdendo la memoria del passato e, talvolta, la consapevolezza del presente Rumiz e Scillitani non sono solo necessari ma si potrebbe tranquillamente dire indispensabili.
Il film ripercorre il viaggio compiuto da Paolo Rumiz nel 2006, a bordo di una Topolino, lungo l’Appennino.
Un viaggio nella spina dorsale dell’Italia, dalla Liguria all’Aspromonte, in compagnia di quella straordinaria rete di persone che Rumiz ha conosciuto nei suoi viaggi. Un racconto corale di resistenza e di energie positive.
Una ricerca delle piccole grandi vite di chi, anche e soprattutto in tempi di terremoti e post-terremoti, crisi economica e disoccupazione diffusa, con la semplicità, il contatto con la natura e con la terra, le idee e la voglia di immaginare e costruire un mondo diverso e migliore, rappresenta il motore sano della nostra penisola. In un'Italia che, come tanti altri Paesi, sta perdendo la memoria del passato e, talvolta, la consapevolezza del presente Rumiz e Scillitani non sono solo necessari ma si potrebbe tranquillamente dire indispensabili.
Film vincitore del Premio del Pubblico al Film Festival della Lessinia.
Gli autori:

Alessandro Scillitani è autore di documentari, musicista e cantante.
Delle sue opere cura sceneggiatura, regia, montaggio e musiche.
Dal 2011 collabora con il noto scrittore e giornalista Paolo Rumiz.
Con lui ha realizzato numerosi film, tra cui Le dimore del vento (Tico Film, 2011) sui luoghi abbandonati, e Il risveglio del fiume segreto (Tico Film, 2012), dedicato al Po e presentato alla 69a Mostra del Cinema di Venezia.
Con i suoi film e con i suoi spettacoli ha partecipato a numerosi festival ed eventi importanti, tra cui Festival della Mente, Festivaletteratura, Sponz Fest, La Luna e i Calanchi, Film Festival della Lessinia, Mostra del Cinema di Venezia.
È direttore artistico del Reggio Film Festival, concorso internazionale per cortometraggi, dal 2002, anno della prima edizione.

Paolo Rumiz è giornalista e scrittore ed è di Trieste.
Da molti anni inviato speciale del Piccolo di Trieste e in seguito editorialista anche di La Repubblica, ha seguito le vicende legate all’area balcanica e in prima persona quelle legate alla disgregazione delle Repubbliche Jugoslave in Croazia e Bosnia Erzegovina.
Come scrittore ha pubblicato numerosi libri per Feltrinelli tra cui Maschere per un massacro (2001), La leggenda dei monti naviganti (2007), La cotogna di Istanbul (2010), Come cavalli che dormono in piedi (2014).
I racconti di viaggio per La Repubblica hanno avuto inizio nel 2001, quando, in compagnia di Emilio Rigatti e del vignettista Francesco Tullio Altan percorse in bicicletta i quasi 2.000 km che separano Istanbul da Trieste.
Da allora, ogni anno, nel mese di agosto, Paolo Rumiz compie un viaggio che racconta in una serie di articoli pubblicati sul quotidiano: a bordo di una Topolino, sui treni di seconda classe, in barca a vela. Rumiz utilizza sempre i mezzi più disparati per raccontare i luoghi minori, alla ricerca di pezzi di storia dimenticati e nascosti.
Da anni il regista Alessandro Scillitani lo accompagna nei suoi viaggi, realizzando documentari di successo.

   

Giovedì 5 aprile 2018

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: