Aurelio Galeppini, disegnatore, è uno dei padri di Tex Willer insieme all'autore G. Luigi Bonelli

Ultimi articoli
Newsletter

Chiavari | morì a chiavari nel 1996

Aurelio Galeppini, disegnatore, è uno dei padri
di Tex Willer insieme all'autore G. Luigi Bonelli

L'epoca d'oro delle storie di Tex fra gli anni 50 ed i 90, le pubblicazioni proseguono ad opera di altri, Tex avventura a fumetti fra le più longeve

di Aldo Carpineti

Tex da un disegno di Galeppini
Tex da un disegno di Galeppini

La striscia di Tex costava 20 lire, la leggevamo di nascosto in classe, alle elementari, infrattando l'albo tra le assi di legno massiccio del banco di scuola.

Tex è un eroe leggendario come leggendari sono Gian Luigi Bonelli ed Aurelio Galeppini che lo hano creato e diffuso.

Tex è eroe positivo difende i deboli dalle prepotenze, dispone di una calma invidiabile, ha muscoli d'acciaio ed è una delle pistole più veloci del West. Assieme ai suoi pard (il grande Kit Carson il figlio Kit e Tiger Jack guerriero Navajo) passa attraverso avventure infinite e si adegua ai gusti ed ai modi di pensare dei tempi, all'inizio valanghe di nemici uccisi, poi l'uso del winchester e della colt soltanto quando è strettamente necessario. Per quanto personalmente contrari all'uso delle armi non siamo così mormoni da pensare che le storie western si possano scrivere senza pistole e fucili.

Fra gli avversari classici di Tex l'illusionista Mefisto e Jama il figlio di Mefisto (che assomiglia fisicamente a Ignazio La Russa).

Tex ha una sposa la dolcissima Lilith squaw Navajo che però muore presto, a causa di una infezione portata da coperte infette fornite da mercanti bianchi senza scrupoli.

Willer è anche il capo di tutti i Navajo che lo eleggono loro Sakem con il nome di Aquila della Notte.

Sabato 13 giugno 2015

© Riproduzione riservata

1062 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: