Enogastronomia di prestigio in piazza Manin non c'è che l'imbarazzo della scelta fra i locali

Ultimi articoli
Newsletter

Genova | dove andare

Enogastronomia di prestigio in piazza Manin
non c'è che l'imbarazzo della scelta fra i locali

Dalla vineria ai bar alle trattorie ed alla pasticceria, ogni scelta

di Aldo Carpineti

Piazza Manin
Piazza Manin

Piazza Manin, il punto più a ponente della Circonvallazione a Monte, rappresenta a Genova un polo enogastronomico di pregevole livello.

Da una parte il bar Bertoli che tiene aperto 24 ore su 24 per 7 giorni la settimana (apertura senza interruzioni) e che offre oltre ad aperitivi di ogni genere con accompagnamento di snack abbondanti e saporiti, spuntini per ogni ora del giorno e della notte. Frequentatissimo sia da habitués sia da persone di passaggio è noto anche per la cortesia e simpatia di tutto il suo personale, femminile e maschile, come dei due proprietari Antonio e Silvio, padre e figlio, popolarissimi in zona.

A fianco, di recente inaugurazione, una vineria classica e ben fornita ha una clientela elegante e già affezionata. La vetrata su corso Armellini permette la vista all’interno, invitante  per l’aspetto stesso della sala adatta ad incontrare amici e a soffermarsi a scambiare due parole tra un sorso e l’altro. Anche questo locale rimane aperto la sera fino a tardi.

Sempre sullo stesso lato della piazza la trattoria Antola, con tavolini all’aperto e dentro, ha menù fissi e menù alla carta, con prezzi molto vantaggiosi a mezzogiorno e soltanto poco più elevati a cena. L’Antola ha una antica tradizione di buona cucina anche se è passata attraverso diverse gestioni. Gli attuali proprietari curano la varietà dell’offerta e la accuratezza di ogni piatto. Con una decina di euro è possibile fare un ottimo pranzo completo. Abbondante scelta di vini.

Dalla parte opposta un locale per giovani, ma non soltanto, è l’Alle Volte gestito da Sally giovane cubana che ha scelto per darle una mano, in cucina ed ai tavoli, personale soprattutto femminile, proveniente dalla stessa isola caraibica.

Musica e allegria sono costanti da Alle Volte che ha anche una cucina pregevolissima ed economica. I pansoti alla salsa di noci, le carni e le verdure grigliate non sono che alcuni degli svariati piatti che è possibile gustare in un clima dal colore sudamericano ma dalle caratteristiche gastronomiche nostrane. Non manca la possibilità, per chi non voglia sedersi a tavola, di consumare panini robustamente imbottiti e scaldati al punto giusto.

Alle Volte si attrezza in maniera assolutamente adeguata per ogni genere di ricorrenza, matrimoni ed addii al celibato, a Natale e qualsiasi altra festa. Dispone di una sala principale all’ingresso, due salette allo stesso piano, una sala grande al piano interrato, ed un dehors fresco e giustamente ventilato nelle serate estive.

Trattoria all’ora di cena, verso le 23 si trasforma in birreria per la gioia dei moltissimi giovani che prediligono questa scelta fra le diverse che piazza Manin mette a disposizione. Sempre affollatissimo rappresenta un punto di riferimento per tutta la città. Rimane aperto solitamente fino alle 2 di notte. Per la originalità delle sue caratteristiche val la pena di conoscerlo e frequentarlo sia dai genovesi sia da parte di chi viene da fuori.

Storia a sé fa il Michelangelo, fra via Assarotti e piazza Manin, laboratorio di pasticceria di altissima qualità dove è possibile approvvigionarsi, fra l’altro, dei cosiddetti cavolini alla panna, paste non casualmente famose a Genova, delicate e nutrienti al tempo stesso. Ottimo anche il suo servizio di bar, prestigioso e di classe sicura. Da Michelangelo la colazione si fa con la pasticceria fatta in casa, dalle brioches classiche alle veneziane, alle olandesine e agli appetitosissimi panettoncini. Il caffè è una vera specialità e va gustato senza fretta.

Se poi, fra un pasto ed uno spuntino, volete regalare fiori alle vostre mogli o fidanzate due negozi fornitissimi mettono a disposizione una grande scelta di piante, le più adatte ad ogni circostanza, anche per tenere accurato il proprio giardino.

Domenica 13 agosto 2017

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: