Franco Branciaroli ne I Miserabili. 1a trasposizione teatrale da domani alla Corte

Ultimi articoli
Newsletter

Genova | alla Corte

Franco Branciaroli ne I Miserabili
1a trasposizione teatrale da domani alla Corte

Crimine e redenzione, il rapporto con il sacro e la passione, la ribellione e le ingiustizie sociali sono temi capaci di parlare agli uomini di ogni epoca. L’epopea di Hugo assume i caratteri epici della tragedia greca

di Francesca Camponero

Scena dello spettacolo
Scena dello spettacolo

Domani, Martedì 5 febbraio alle ore 20.30 al Teatro della Corte debutta I Miserabili, la prima trasposizione teatrale del capolavoro di Victor Hugo, con Franco Branciaroli nel ruolo di Jean Valjean e la regia di Franco Però.

I Miserabili di Victor Hugo è un’opera monumentale, una “sinfonia” traboccante di intrecci, un patrimonio della letteratura e del genere umano. Pubblicato nel 1862 è considerato uno dei più eccelsi romanzi del XIX secolo europeo, fra i più popolari e letti dell'epoca. Suddiviso in 5 volumi, il libro è ambientato in un arco temporale che va dal 1815 al 1832, dalla Francia della Restaurazione postnapoleonica alla rivolta antimonarchica del giugno 1832, narrando le vicende di numerosi personaggi.

 Detto ciò è chiaro quanto possa essere complicato trasporre tante pagine complesse in una drammaturgia eppure il regista Franco Però, grazie alla preziosa collaborazione dello scrittore Luca Doninelli che ha curato l’adattamento, ha lavorato per sottrazione facendo leva sulla potenza del romanzo francese.

Crimine e redenzione, il rapporto con il sacro e la passione, la ribellione e le ingiustizie sociali sono temi che sia nel romanzo, sia sulle assi del palcoscenico, sono capaci di parlare agli uomini di ogni epoca. L’epopea di Hugo assume i caratteri epici della tragedia greca che riflette sull’etica e sul senso della Giustizia, sull’uomo e sul rapporto col trascendente. 

Il regista afferma: «Ogni capitolo del romanzo meriterebbe uno spettacolo a sé. Non potendo fare ciò, abbiamo pensato ad un lavoro che possa contenere anche ciò che non si riesce a raccontare. Mentre Franco Branciaroli scelto dal regista come protagonista, descrive Jean Valjean come: «Uno strano santo, una figura angelico-faustiana. Il ritratto di un’umanità che forse deve ancora venire» e come sempre è padrone della scena riuscendo a dare alla sua recitazione una naturalezza che lo identifica con il personaggio.

I Miserabili è in scena al Teatro della Corte fino a domenica 10 febbraio.

Inizio spettacoli ore 20.30, giovedì ore 19.30. Domenica ore 16.

Lunedì 4 febbraio 2019

© Riproduzione riservata

123 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: