Presentiamo due poesie di Antonella Vella poetessa genovese, grande spessore lirico

Ultimi articoli
Newsletter

Genova | letteratura emergente

Presentiamo due poesie di Antonella Vella
poetessa genovese, grande spessore lirico

Perché scrivo? Fin da bambina ho sentito il desiderio di farlo

di Aldo Carpineti

Antonella Vella
Antonella Vella

Non sono numeri

Erano tre.
Tre come il numero perfetto, tre come i desideri che il genio della lampada può esaudire. Erano i suoi figli e lei, più piccola e indifesa, pareva lì farsi cima, ponte, strada per appianare il loro cammino.
Ogni parola, ogni loro gesto veniva sottolineato da notti insonni e cuori infranti.
Come carta assorbente questo amore celava ogni macchia, ogni piccola ombra, ma loro ignari di codesto sentimento che non s'arginava mai, correvano incontro alla vita senza saltare le pozzanghere e colorando le emozioni con i pastelli a cera.
Tre ma sembravano mille: misteri assoluti per l'arte antica di donarsi senza alcuna remora.

 

Era allora

Racchiuse in quelle poche 
pagine
nastri di parole in bianco e 
nero.
Quel quaderno rosso
fermo, quasi a ricordare
ore liete, giorni finiti.
Osservo, curioso e poso.
Sgualcite righe di sogni infranti.

 

Giovedì 20 settembre 2018

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: