Questa sera si recita a soggetto, alla Corte ultimo atto della rivoluzione pirandelliana

Ultimi articoli
Newsletter

Genova | dal 6 dicembre alle 20.30

Questa sera si recita a soggetto, alla Corte
ultimo atto della rivoluzione pirandelliana

Con Patrizia Milani e Carlo Simonie, il trittico del teatro sul teatro

di Aldo Carpineti

Una scena
Una scena

COMUNICATO TEATRO STABILE DI GENOVA

QUESTA SERA SI RECITA A SOGGETTO: L’ULTIMO CAPITOLO DELLARIVOLUZIONE PIRANDELLIANA, ALLA CORTE DAL 6 DICEMBRE

Mercoledì 6 dicembre alle ore 20.30 debutta al Teatro della Corte QUESTA SERA SI RECITA A SOGGETTO di Luigi Pirandello. Lo spettacoloprodotto dal Teatro Stabile di Bolzano è interpretato da Patrizia Milani, Carlo Simonie da (in ordine alfabetico)Emanuele Cerra, KarolineComarella, Corrado d’Elia, Alessio Dalla Costa, Andrea Deanesi, Stefano Detassis, Sabrina Fraternali, Jacopo Giacomoni, Paolo Grossi, Sebastiano Kiniger, Alessandra Limetti, Marta Marchi, MaxMeraner, Antonella Miglioretto, Giampiero Rappa, Giovanna Rossi, Irene Villa, Riccardo Zini, diretti da Marco Bernardi. La scena è di GisbertJaekel, i costumi sono di Roberto Banci, le luci di Massimo Polo.  

QUESTA SERA SI RECITA A SOGGETTO è la terza commedia del trittico pirandelliano sul teatro nel teatro, la più autoironica. Il capitolo finale che coronala sua rivoluzione teatrale, scritto da un Pirandello in versione cervello in fuga mentre si trovava in Germania nel 1929. Mentre il pubblico del teatro attende che cominci lo spettacolo, da dietro il sipario si sente un vociare sempre più agitato. A discutere sono il regista e gli attori che non trovano un punto d’incontro sul modo di rappresentare la commedia tratta dalla novella di Pirandello Leonora, addio! Il carismatico regista Hinkfuss vuole costruire il racconto attraverso l’improvvisazione recitativa inquadrata in rigide strutture formali, ma gli attori obbiettano che così facendo, i sentimenti dei personaggi finirebbero con l’essere soffocati e il loro talento interpretativo verrebbe enormemente sminuito. In un vorticoso gioco di teatro nel teatro in cui si passa dal tono della commedia a quello del melodramma, sfiorando anche la tragedia, l’autore premio Nobel per la letteratura, dà vita ad una spassosa disputa fra l’importanza del testo e la messa in scena, tra il lavoro dell’autore e quello degli attori chiamati a dare vita al suo mondo. Un divertimento caoticamente organizzato che è anche un J’Accusegraffiante ed ironico nei confronti dei neonati sistemi registici, rei, secondo Pirandello, di tenere in ben poca considerazione il testo.

QUESTA SERA SI RECITA A SOGGETTO debutta il 6 dicembre e rimane alla Corte fino a domenica 10 dicembre.

Lo spettacolo è in scena dal mercoledì al sabato alle ore 20.30, domenica alle ore 16.

La recita del giovedì inizia alle 19.30.

Domenica 3 dicembre 2017

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: