Smartworking che passione oggi molti lo preferiscono, più libertà e meno garanzie

Ultimi articoli
Newsletter

nel mondo del lavoro

Smartworking che passione oggi molti lo
preferiscono, più libertà e meno garanzie

Il lavoratore è sempre meno dipendente e più imprenditore di se stesso

di Aldo Carpineti

Lavorare dal giardino
Lavorare dal giardino

Io stesso non so se mi adatterei a stare otto ore al giorno alla scrivania, pur avendolo fatto per molti anni. E pensare che un tempo si riteneva che chi lavorava da casa fosse svantaggiato, perché non aveva né le informazioni né il polso dell'azienda alla maniera di chi invece lavorava in ufficio. Proprio vero che le situazioni si ribaltano e i modi di pensare anche.

Un tempo si chiamava lavoro a domicilio oggi lo si chiama lavoro da remoto o, genericamente, smartworking. Lo si può fare non soltanto dal proprio salotto ma anche dalla casa di campagna, dal treno e persino dalla spiaggia, dal proprio giardino o all'ombra del fico. Si tratta di una obbligazione di risultato e non di prestazione, perché se ho da tradurre dal francese all'italiano dieci cartelle in word poco importa che lo faccia in un quarto d'ora o in due ore, importante è che lo faccia, bene, e che rispetti i tempi finali. 

I mezzi tecnologici ci hanno messo in grado di lavorare con queste modalità, che si prestano particolarmente ad un rapporto a partita Iva. Si può dire che il lavoro dipendente ha molte garanzie e poche libertà, lo smartworking ha molte libertà e poche garanzie. Chi preferisca lavorare in questo modo e trova consenziente il proprio datore di lavoro è presumibilmente un privilegiato.

Tale modo si adatta bene a diversi lavori di concetto, più difficilmente al lavoro manuale, in particolare al lavoro di officina dove sia necessario stare al tornio o alla fresa. Si pensa che lo strumento possa comunque avere anche qui qualche applicazione attraverso un uso intelligente della turnistica, attuato in modo coordinato e concordato. Allo scopo può venire incontro un uso più approfondito dell'intelligenza elettronica, nella considerazione che fino ad oggi anche in aziende modernamente organizzate lo stabilire i turni è spesso affidato ancora ad una attività poco concettuale e sostanzialmente non strutturata del capo officina.

Martedì 12 novembre 2019

© Riproduzione riservata

180 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: