Tutto quanto noi percepiamo ci arriva filtrato, interpretato dal nostro cervello

Ultimi articoli
Newsletter

Genova | riflessioni su noi stesssi

Tutto quanto noi percepiamo ci arriva
filtrato, interpretato dal nostro cervello

Ne è conseguenza che difficile è considerare oggettiva la realtà

di Aldo Carpineti

Il cervello umano
Il cervello umano

Fin da quando ero ragazzo osservavo come tutta la realtà che noi conosciamo passa attraverso il filtro del nostro cervello. Data questa premessa è conseguenziale ritenere che ben poche sono a questo mondo le verità oggettive che ognuno di noi può affermare. Tutto è adattato a noi ed al nostro modo di interpretare ciò che ci è esterno e perfino noi stessi. Anche le nostre fedi, perciò, sono, in definitiva, una opinione.

Di più, abbiamo la sensazione e abbiamo l’abitudine a ritenere che quanto ci arriva sia la realtà oggettiva, e spesso non ci curiamo di considerarla secondo criteri di relatività, come invece andrebbe fatto.

Ci illudiamo che quanto vediamo, sentiamo, tocchiamo, in una parola tutto quanto percepiamo sia rappresentazione fedele di ciò che esiste dimenticando spesso che ne è soltanto una visone parziale e soggettiva. Il fatto stesso che noi non riusciamo a rappresentarci l’infinito ed il tutto è una conferma della premessa.

Non soltanto ognuno di noi ha una visione propria della realtà ma addirittura noi stessi ne abbiamo una sensazione diversa in momenti diversi.

Che cosa discende da questa nostra interpretazione di noi e delle cose. Ne è conseguenza che vivendo la nostra realtà come finita e parziale dobbiamo aver riferimento a quanto ci è più proprio e connaturato  come criterio orientativo della nostra vita e delle nostre azioni. In una parola, la nostra umanità che, per quanto imperfetta, è quel che di più genuinamente nostro noi abbiamo.

Ed è in questa accezione delle cose che siamo tenuti al rispetto ed all’amore verso il prossimo. In virtù di quanto di comune abbiamo più che di un comandamento che ci venga dall’alto.

Affermare la dignità umana in questi termini appare, almeno a me, ben più significativo che farla discendere da un essere superiore che abbia poteri infiniti ed incontrastati. 

Martedì 25 settembre 2018

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: