Un museo dedicato all'aereoporto partigiano

Ultimi articoli
Newsletter

Genova | Basso Piemonte | Vesime (AT)

Un museo dedicato all'aereoporto partigiano

Nel 1944 tra le Langhe astigiane un'opera di grande importanza per le vicende belliche progettata dal geometra Pasquale Balaclava. Un museo multimediale oggi la ricorda. Una visita coinvolgente per il pubblico

di Antonio Rossello

Il progetto segreto del geom. Pasquale Balaclava su un tecnigrafo
Il progetto segreto del geom. Pasquale Balaclava su un tecnigrafo

Il Luogo e le Vicende

Era l’autunno del1944, i partigiani della 2ª Divisione Langhe, il cui comandante era un ufficiale della Regia Marina, Piero Balbo Poli, insieme ai contadini dei dintorni, in condizioni ai giorni nostri inimmaginabili, in breve tempo realizzarono a Vesime, nella Langa astigiana, un’opera di grande ingegno. Si trattava di campo di atterraggio, concepito per facilitare l'atterraggio ed il decollo degli aerei alleati, impiegati per aviolanciare le missioni e trasportare armi e feriti. La pista fu progettata da un geometra della vicina Cortemilia, Pasquale Balaclava Excelsior, e, nella fase iniziale, misurava ben 900 metri. Il primo atterraggio vi fu il 17 novembre 1944. Qualche settimana dopo, nel corso di una campagna di rastrellamenti, i tedeschi la ararono per renderla inutilizzabile, tuttavia, nella primavera del 1945, venne completamente ripristinata e ampliata, cosicché raggiunse la lunghezza di 1100 metri. L'aeoroporto venne denominato Excelsior.

La Memoria

La vicenda raccoglie un’importante testimonianza in nuova struttura esistente da qualche anno. Il Museo dell’Aeroporto partigiano di Vesime è stato inaugurato nel gennaio 2016 in una locale concesso dal Comune. Consiste in un’esposizione multimediale permanente curata dall’Istituto storico della Resistenza di Asti. Attraverso video e voce narrante, viene ripercorsa la costruzione della pista di atterraggio realizzata nell'autunno 1944 dai partigiani della 2ª Divisione Langhe. Il percorso è strutturato in sei tappe, lungo le quali viene presentata la storia dell’Excelsior, intimamente legata allo sviluppo del movimento partigiano nelle Langhe ed al processo di liberazione in Italia. Ogni istallazione fornisce informazioni al pubblico, con la sensazione di trovarsi coinvolti realisticamente in un’operazione militare. Un approccio efficace che rende la visita più intrigante e consente, contemporaneamente, di assimilare contenuti storici dettagliati.

Martedì 26 giugno 2018

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: