Uno scritto di Igor Belansky riguardo all'unità d'Italia, competenze storiche

Ultimi articoli
Newsletter

Genova | non solo arte

Uno scritto di Igor Belansky riguardo
all'unità d'Italia, competenze storiche

Il disegnatore genovese di Reteluna ha profonde conoscenze in storia

di Aldo Carpineti

Carabiniere - Igor Belansky
Carabiniere - Igor Belansky

Vorrei dire due parole sul Risorgimento italiano che, secondo me, è il periodo migliore della storia italiana. I patrioti risorgimentali operarono in condizioni molto difficili, ma, nonostante tutto riuscirono a unificare il paese. Unire il paese e non solo. L'Unità italiana andava durante il Risorgimento assieme alla democrazia. Si, perché la democrazia nasce nel 1848, quando il Re di Sardegna Carlo Alberto concesse la Costituzione con il cosiddetto statuto albertino. Venne creato il Parlamento che ebbe come presidenti del consiglio personaggi di grande levatura come D'Azelio, Cavour e Giolitti. Secondo me, l'Italia risorgimentale era tenuta insieme da tre pilastri: I Savoia che unirono l'Italia; il Parlamento; le forze armate, soprattutto i Carabinieri. Dopo la 1° Guerra Mondiale l'Italia risorgimentale è andata in crisi. Il Parlamento fu esautorato, i Savoia cacciati. Ci sono rimasti, dato che secondo me oggi il Parlamento è in piena crisi, i Carabinieri, ultimi custodi dell'Italia risorgimentale. Io credo che dobbiamo tenerci stretti l'Arma che con i suoi compiti da il proprio contributo all'Unità dello Stato italiano

Sabato 23 marzo 2019

© Riproduzione riservata

103 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: