Andalusia: un angolo di paradiso. Atmosfera vivace e colorata offre paesaggi davvero notevoli

Ultimi articoli
Newsletter

Genova | Andalusia terra meravigliosa di colori, suoni, immagini

Andalusia: un angolo di paradiso. Atmosfera
vivace e colorata offre paesaggi davvero notevoli

Benvenuti in Andalusia: profumi, suoni, immagini fanno di questa regione il simbolo della Spagna. Una terra romantica ed appassionata, baciata dal sole ed i cui ricordi rimangono indelebili nella nostra
memoria

di Antonella Vella

Siviglia
Siviglia

L’atmosfera del vivace e avvolgente viaggio è impressa nella mia memoria con un’immagine legata ai colori, i profumi e l’incanto dei luoghi.

Siviglia: città moresca e porta d’accesso alla regione dell’Andalusia che vive adagio, con lentezza nella sua magnificenza.

La cattedrale in stile gotico è la più grande al mondo e ospita la fastosa tomba di Cristoforo Colombo.

Ma non è della Siviglia da vedere, da percorrere per la visione architettonica della stessa di cui voglio trattare, ma dei piccoli gioielli celati, delle stradine, delle viuzze strette dei suoi barrios che ci ricordano i nostri carruggi. Ogni angolo respira aria di vitalità, sprizza cordialità e abbraccia gli animi con l’esuberanza nel vagare festoso e continuo di chi vacanziero affronta la città. Tra caraffe di sangria, churros e paella, l’adagio della solidarietà con i turisti è una piacevole alchimia.

Granada: roccaforte musulmana in Europa.

Città da narrare: vie piuttosto squallide con bar d’altri tempi e negozi poco invitanti e cupi o tortuosi vicoli che ospitano sontuosi palazzi cinti da mura.

In piccole strade laterali, come per incanto, opere di street art assolutamente notevoli.

L’avventura è visitare l’Alhambra: trattasi proprio di questo in quanto la meta è ambita e occorre essere premuniti di biglietto acquistabile on line o per telefono fino a tre mesi prima. Se invece osate, è bene essere in coda al mattino molto presto per essere certi di riuscire a visitare questo luogo di cultura araba. Quindi coloro che hanno questo desiderio sappiano che la lungimiranza è auspicabile!

Ronda: che dire se non che è magnifica.

Arroccata su un altopiano è una città che risente del dominio arabo e affascina con i suoi tre ponti (uno di origine romana) che uniscono la parte vecchia con quella nuova.

Malaga con il suo museo dedicato a Picasso è artisticamente dotata e assaggiare il fino, sherry color miele, diventa d’obbligo per contribuire all’atmosfera gioiosa a ritmo di flamenco.

Il diario di viaggio comprende e visita altre piccole e grandi città, ma non voglio tediarvi di più con personali descrizioni come una principiante guida turistica.

La particolarità che mi ha piacevolmente invitato al continuo assaggio sono i piattini di tapas gratuiti che Granada offre, servite con aperitivi o calici di vino e birra. Ogni locale le prepara in modo diverso, calde e fredde con varianti di sapori. Questo diventa un rituale e uno stile di vita per i locali e per i visitatori è una scoperta, anche, divertente e stimolante.

Le vetrine dei negozi invitano spesso ad avvicinarsi al mondo del flamenco, allegro ed emozionante che riporta indietro nel tempo gli animi più sensibili alle sofferenze di popoli nomadi che affrontavano la loro esistenza abbracciando la musica.

Caratteristica comune di queste affascinanti città è l’assoluta disponibilità degli abitanti e in generale degli spagnoli: cortesi, educati, premurosi e gentili sono ottimi padroni di casa.

Un’esperienza che è un benvenuto alla coesistenza di due mondi diversi e di due fedi opposte: il Cristianesimo e l’Islam. Questo intreccio di culture rimane ciò che rende l’Andalusia un angolo di radici storiche profonde e indelebili.

Lunedì 15 ottobre 2018

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: