Uno sguardo retrospettivo sulle lezioni pisane in ambito progetto Alternanza Scuola-Lavoro

Ultimi articoli
Newsletter

i corsi si concludevano un mese fa

Uno sguardo retrospettivo sulle lezioni pisane
in ambito progetto Alternanza Scuola-Lavoro

L'importanza degli interventi di formatori esterni al mondo scolastico

di Aldo Carpineti

Interno del Liceo
Interno del Liceo

A distanza di un mese dalla conclusione dei nostri corsi di Alternanza Scuola-Lavoro in un Liceo Scientifico di Pisa e in piena pausa dovuta alle note vicende del coronavirus, riflettiamo su quanto possano essere stati fruttuosi quei pomeriggi con i ragazzi.

Uno scambio nel quale gli allievi hanno potuto incontrare insegnanti che parlavano di qualcosa di diverso dal mondo scolastico e che provenivano da una realtà diversa da quel mondo. L'appartenenza dei formatori alla realtà del lavoro, di cui venivano date spiegazioni, ha fornito ai giovani l'opportunità di calarsi in quella realtà in modo particolare e sicuramente più significativo di quanto sarebbe stato se l'intervento fosse stato di insegnanti interni sugli stessi temi.

In questa seconda ipotesi i ragazzi avrebbero interpretato le lezioni come qualcosa di appartenente alla normale prassi e routine scolastica e la loro attenzione non avrebbe avuto quelle specifiche motivazioni che quanto si è realizzato ha invece suscitato.

La presenza degli insegnanti esterni e specialisti nel campo ha insomma dotato gli interventi stessi di una straordinarietà rispetto alle consuete lezioni scolastiche che ha privilegiato l'iniziativa anche in termini di attenzione e curiosità.

L'uso poi di tecniche moderne all'interno delle lezioni stesse, come l'intervento telefonico di un professionista che ha dato testimonianza diretta della propria esperienza di lavoro e interessanti informazioni utili per le scelte universitarie, è stato un plus che la tecnologia ha permesso, aggiungendo attrattiva alle ore di conversazione. Nello specifico si sono alternati a parlare ai ragazzi una specialista del Lavoro in Somministrazione, un Ingegnere e Architetto, un Medico, un Giornalista, un uomo di Spettacolo, una dirigente di Cooperativa Sociale. 

Crediamo che queste ore trascorse a contatto con la realtà viva del Lavoro possano aver destato molto interesse nei giovani e creato stimoli e motivazioni forti, utili a prendere coscienza di molti aspetti del loro futuro e delle scelte che esso può comportare. 

Sabato 14 marzo 2020

© Riproduzione riservata

58 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: