Arriva alla conclusione il Festival della. Comunicazione di Camogli, riflessioni

Ultimi articoli
Newsletter

elzeviro domenicale

Arriva alla conclusione il Festival della
Comunicazione di Camogli, riflessioni

Comunicare fa parte di noi stessi, non comunicare ci è impossibile

di Aldo Carpineti

Camogli 2016
Camogli 2016

In conclusione del Festival della Comunicazione di Camogli

Diversi autorevoli personaggi sono intervenuti e interverranno nella giornata conclusiva odierna per trattare il tema, uno dei più formidabili dell’attuale momento storico.

La comunicazione è al giorno d’oggi necessariamente più affidata alla capacità di improvvisare ed alla immediata valutazione dell’istante di quanto non fosse nei tempi passati, quando rispondeva invece a criteri e standard molto più definiti. Bersagliati come siamo da un numero impressionante di notizie, sollecitati da continue istanze, partecipare il nostro pensiero e noi stessi agli altri diventa affidato all’intuizione improvvisa, a quanto ci pare di cogliere di veritiero dalla quantità di informazioni che ci bersagliano continuamente.

Il diffondersi dilagante della tecnologia, la globalizzazione dei mercati e dei modelli di vita, il ridursi delle distanze, la grande distribuzione organizzata, la concorrenza commerciale capillare, i flussi migratori hanno fatto sì che ognuno di noi si trovi al centro e sia fulcro di scambi continui, di reciprocità e di nessi moltiplicati. Queste stesse ragioni modificano il mondo continuamente e le modifiche chiamano ulteriori modifiche. Un processo che si esalta da sé.

Restare al passo con i tempi diventa di conseguenza sempre più arduo, nella quotidianità stessa siamo chiamati a saper rispondere continuamente di più cose e di più argomenti: informarsi è responsabilità ed avere una comunicazione adeguata è una esigenza imprescindibile.

Non comunicare è impossibile, anche se si ha l’intenzione di non farlo. In questo caso si comunica, se non altro, di non avere intenzione di comunicare. Ma tutto di noi è comunicazione, lo stesso linguaggio del corpo, i silenzi e qualsiasi atteggiamento. Vivere privatamente ed essere riservati è oggidì poco in sintonia con il nostro tempo, la diffusione appropriata di sé diventa oltre che opportuna, ineludibile.

Cogliere ciò che di sé c’è di veritiero e di genuino per proporlo agli altri, una operazione non facile cui l’allenamento può tuttavia venire incontro.

Domenica 11 settembre 2016

© Riproduzione riservata

1040 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: