Lavori di restauro della chiesa barocca di Santa Caterina in Casale Monferrato

Ultimi articoli
Newsletter

restauro della chiesa di santa caterina

Lavori di restauro della chiesa barocca
di Santa Caterina in Casale Monferrato

Santa Caterina è uno dei monumenti barocchi di maggior valore artistico del Piemonte, la cui cupola ellittica interamente affrescata è seconda in Regione, dopo il Santuario di Vicoforte, per dimensioni, ricchezza decorativa e unicità costruttiva

di Maria Grazia Dapuzzo

Torre di ponteggio per i lavori di restauro
Torre di ponteggio per i lavori di restauro

Care lettrici e lettori di Genova Reteluna, a distanza di un anno, desidero relazionarvi sul proseguimento del restauro della chiesa barocca di Santa Caterina in Casale Monferrato (Al), nel caso qualcuno di voi sia interessato a visitare questo gioiello artistico-architettonico settecentesco.

Lanterna di Santa Caterina
Lanterna di Santa Caterina

Santa Caterina è uno dei monumenti barocchi di maggior valore artistico del Piemonte, la cui cupola ellittica interamente affrescata è seconda in Regione, dopo il Santuario di Vicoforte, per dimensioni, ricchezza decorativa e unicità costruttiva.

Per la terza volta, mio marito l'ing. Mario Ferrando ed io abbiamo avuto l'opportunità di salire sulla torre di ponteggio, appositamente studiata per essere collocata all'interno della chiesa di Santa Caterina, per il restauro della cupola e lanterna.

Primo livello dei lavori di restauro
Primo livello dei lavori di restauro

Ad accoglierci per la visita la presidente dell'Associazione Marina Buzzi, la direttrice dei lavori arch. Enrica Caire e il nostro amico ing. Simone Giordano, consulente per le strutture.

Affresco restaurato
Affresco restaurato

L'Associazione Santa Caterina Onlus è stata fondata nel 2010 con lo scopo di raccogliere fondi per l'avvio di un piano di manutenzione straordinaria del complesso architettonico.

A destra Simone Giordano e Enrica Caire
A destra Simone Giordano e Enrica Caire

L'arch. Caire ci ha illustrato la parte artistica, mentre l'ing. Giordano ci ha parlato della parte tecnica; molto interessante la collaborazione con il prof. Rosario Ceravolo del Politecnico di Torino che ha curato l'indagine sismica e statica della chiesa. 

La torre di ponteggio è stata approntata per salire ai vari piani di lavoro nella cupola e alla lanterna, quest'ultima a oltre trentadue metri di altezza, raggiunti nella parte terminale con scalette alla marinara. La vista all'interno della chiesa è spettacolare, così pure all'esterno con la vicina collina e il grande Po.

Restauratori all'opera
Restauratori all'opera

I ponteggi hanno permesso di posizionare sensori in punti chiave della volta e aggiornare il modello tridimensionale costruito dagli allievi del prof. Ceravolo per valutare gli spostamenti, infinitesimi ma comunque presenti, della parte sommitale della cupola dovuti ad assestamenti del terreno, scosse telluriche non avvertibili dalla popolazione ma certamente dalla struttura, specie dalla lanterna nella parte sommitale e dall'azione dell'intemperie.

Restauratrici che intervengono sugli affreschi
Restauratrici che intervengono sugli affreschi

La lanterna è stata oggetto di un intervento strutturale per fermare le crepe che interessavano gli otto pilastrini, costruiti in mattone pieno e calce, crepe che potevano creare col tempo seri problemi.

È stata approntata una struttura di acciaio, con un cerchiaggio che ha stabilizzato la lanterna. L'opera di per sè invasiva, è stata inserita con maestria nelle cornici delle finestre ed è invisibile alla vista dell'osservatore; è inoltre movibile per permettere l'inserimento delle «vetrate cattedrale», momentaneamente tolte e in attesa di restauro, soldi permettendo.

Cerchiaggio per stabilizzare la lanterna
Cerchiaggio per stabilizzare la lanterna

I ponteggi resteranno per tutto il mese di giugno, poi saranno smontati; un mese di noleggio costa ben 4500 Euro. E qui si apre il punto dolente del restauro perché l'Associazione Santa Caterina di Casale Monferrato è un'associazione privata che vive degli emolumenti devoluti dagli sponsor e delle donazioni private.

La chiesa non fa parte della Diocesi di Casale e la sua sistemazione futura è incerta ma questo non vanifica in nessun modo l'impegno preso, anzi ne aumenta l'importanza.

Marina Buzzi, Maria Grazia Dapuzzo, Enrica Caire
Marina Buzzi, Maria Grazia Dapuzzo, Enrica Caire

Salendo in sicurezza, con elmetti sul capo, si è subito assaliti dall'odore forte di ammoniaca che pervade il cantiere, nonostante sia stato approntato l'impianto di ventilazione; i restauratori indossano tutti rigorosamente la maschera e lavorano accovacciati su sgabelli in spazi decisamente ristretti.

I lavori di restauro all'interno della cupola, impegna due gruppi di restauratori che operano con acquarelli e terre bruciate sulle mirabili opere degli affreschi a trenta metri di altezza; il loro compito è recuperare le figure dei dipinti, coperte da efflorescenze di sali minerali, esfogliazioni, lacune, incrostazioni e dall'umidità infiltratasi dai tetti della struttura, puliti utilizzando la polpa di cellulosa bagnata con il carbonato di ammonio, con quantità di volta in volta regolata secondo la necessità. 

Restauratrice e attrezzi del lavoro
Restauratrice e attrezzi del lavoro

L'intervento di recupero evidentemente è stato realizzato dopo un'attenta pulitura, non invasiva, preceduta da una diagnostica specifica sui sali, tasselli di analisi stratigrafiche sulle parti ridipinte in precedenti restauri, valutate di concerto con la Soprintendenza di Torino per definire, dopo i trattamenti adeguati, la presentazione estetica più opportuna.

Livello di lavoro sotto la lanterna
Livello di lavoro sotto la lanterna

Il 9 e 10 di giugno sono programmate due «Giornate di Studio» presso il Castello di Casale Monferrato nelle quali sarà fatto il punto della situazione spiegando, alla popolazione, agli studiosi e agli addetti ai lavori, la situazione precedente al restauro sino ad ora realizzato e i risultati raggiunti; oltre ad aggiornare sullo stato di fatto, l'obiettivo è ottenere altri finanziamenti per proseguire nel restauro degli affreschi che ricoprono l'interno della preziosa chiesa di Santa Caterina.

Per chi desidera rileggere il precedente articolo sui lavori di restauro della chiesa di Santa Caterina riporto il collegamento ipertestuale.

http://genova.reteluna.it/it/proseguono-i-lavori-di-restauro-della-chiesa-barocca-di-s-caterina-in-casale-monferrato-AQZSQ.html

Facciata di Santa Caterina
Facciata di Santa Caterina

(Cliccando sulle foto s'ingrandiscono).

Mercoledì 17 maggio 2023

© Riproduzione riservata

720 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: