Viaggio itinerante in Sardegna tra passato lontano e presente

Ultimi articoli
Newsletter

viaggio in sardegna

Viaggio itinerante in Sardegna
tra passato lontano e presente

La prima volta che andammo in Sardegna fu quarantatrè anni fa, ad agosto ed ero incinta; allora visitammo il settentrione dell'isola, soprattutto per vivere lo splendido mare e la natura

di Maria Grazia Dapuzzo

Partenza da Livorno
Partenza da Livorno

Care lettrici e lettori di Genova Reteluna oggi desidero raccontarvi del viaggio itinerante che mio marito ed io ci siamo ritagliati nel mese di febbraio in Sardegna, dopo un periodo un poco pesante per motivi di salute.

Lago di Coghinas
Lago di Coghinas

La prima volta che andammo in Sardegna fu quarantatrè anni fa, ad agosto ed ero incinta; allora visitammo il settentrione dell'isola, soprattutto per vivere lo splendido mare e la natura. 

Agriturismo Su Recreu
Agriturismo Su Recreu

Negli anni successivi abbiamo girato per il mondo, ma come ci ha detto un poliziotto, con il quale ci siamo fermati a parlare appena sbarcati, «... il mondo è lì, in Sardegna».

Prelibatezze a Su Recreu
Prelibatezze a Su Recreu

In effetti la Sardegna è un continente dove si può trovare tutto, il mare, i monti, le coste frastagliate, le spiagge, la natura rigogliosa in tutte le sue manifestazioni.

Nuraghe Santu Antine
Nuraghe Santu Antine
Pianta di mirto
Pianta di mirto

Nella seconda metà di febbraio sembrava di essere in un altro mondo rispetto al Piemonte; gli alberi erano già tutti in fiore bianco, rosa e le mimose stupende con il loro giallo intenso. 

Nuraghe Santu Antine
Nuraghe Santu Antine

Ci sono le piante grasse di Euforbia Eritrea giganti, sono praticamente degli alberi. E poi... alberi da sughero, di mirto, eucalipti, ecc.

Interno del nuraghe Santu Antine
Interno del nuraghe Santu Antine

Il viaggio è stato molto bello e interessante. Ci siamo spostati, da un luogo all'altro, dormendo nello stesso posto due notti per volta e guardando quello che offriva il territorio sia dal lato naturalistico sia da quello artistico-culturale.

San Giovanni in Sinis
San Giovanni in Sinis

Abbiamo preso il traghetto a Livorno e siamo sbarcati a Olbia. Piccola pausa a Berchidda e al lago Coghinas per poi riprendere verso ovest e raggiungere Ittiri, dove abbiamo soggiornato presso l'agriturismo Su Recreu; la ristoratrice ci ha fatto assaggiare le ottime specialità del territorio. 

La serata sul lungo mare ad Alghero e nel suo centro storico è stata veramente piacevole e rilassante. Il giorno dopo finalmente abbiamo visitato il nuraghe trilobato di Santu Antine; era da tempo che desideravo visitare i complessi nuragici.

Albergo in Oristano
Albergo in Oristano

Lasciata la zona di Thiesi, Torralba e Ittireddu, abbiamo puntato verso sud per soggiornare a Oristano dove era appena terminata la famosa Sartiglia.

Area archeologica di Tharros
Area archeologica di Tharros

Visita al museo di Cabras, San Giovanni in Sinis e nell'area archeologica di Tharros; quest'ultima in età punica era una delle città più importanti della Sardegna e continuò a esserlo anche in età romana.

Lamina in oro, museo di Tharros
Lamina in oro, museo di Tharros

Lasciato Oristano, ci siamo diretti ancora più a sud e nei pressi di Guspini abbiamo costeggiato la vasta zona mineraria di Montevecchio.

Necropoli punica e forte Sabaudo a Sant'Antioco
Necropoli punica e forte Sabaudo a Sant'Antioco

Abbiamo proseguito per soggiornare a Sant'Antioco e visitare il museo archeologico che custodisce la storia millenaria dell'isola, il Tofet (luogo sacro), la necropoli, l'acropoli, il forte Sabaudo, il villaggio ipogeo (conosciuto come Is Gruttas) e il museo etnografico che mantiene viva la memoria domestica del territorio.

Venere, museo di Sant'Antioco
Venere, museo di Sant'Antioco
Circondati dalle pecore
Circondati dalle pecore

Nei pressi di Villaperuccio abbiamo visitato la grandiosa necropoli preistorica di Montessu; l'area cimiteriale risale al neolitico (4300 - 4000 a C.) con ben 35 «Domus de Janas», in lingua sarda significa casa delle fate o delle streghe, in realtà sono tombe, dove sono stati trovati i corredi funebri che accompagnavano il morto nell'aldilà. Particolarmente interessanti sono le tombe-santuario con decorazioni a spirali, simboli concentrici e protomi taurine.

Montessu, Domus de Janas
Montessu, Domus de Janas
Domus de Janas
Domus de Janas

Siamo poi risaliti verso il centro della Sardegna a Barumini, Escolca, soggiornando a Orroli per visitare il nuraghe Arrubiu (datato XIV secolo a C. perché è stata ritrovata una ceramica micenea a livello delle fondazioni); è il più maestoso e imponente fra i complessi megalitici visitabili ed è l'unico pentalobato con il suo bastione centrale. Arrubiu significa rosso perché la costruzione in blocchi di basalto è ricoperta dai licheni che conferiscono il caratteristico colore rosso. All'esterno del complesso ci sono le permanenze strutturali di tre capanne: due di epoca nuragica a forma circolare, la terza quadrata di epoca romana.

Particolare decorativo della Domus de Janas
Particolare decorativo della Domus de Janas
Interno del nuraghe Arrubiu
Interno del nuraghe Arrubiu

A malincuore abbiamo preso la strada del ritorno per imbarcarci a Olbia, transitando lungo la littoranea: Jerzu, Tortoli, Baunei, Dorgali, Siniscola e Olbia.

Plastico del nuraghe Arrubiu
Plastico del nuraghe Arrubiu
Arrivo al porto di Livorno
Arrivo al porto di Livorno

La notte del ritorno il mare era grosso, il traghetto messo di prua sembrava che cavalcasse le onde; io ho dormito magnificamente!

Cliccando sulle foto s'ingrandiscono.

Sabato 18 marzo 2023

© Riproduzione riservata

794 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: