P. Luigi Kerschbamer missionario: le Lettere. 6. Organizzazione della parrocchia di Ampére

Sullo stesso argomento
Ultimi articoli
Newsletter

Genova | Lettere di un missionario: figlio dell'uomo, prepara i tuoi bagagli...

P. Luigi Kerschbamer missionario: le Lettere
6. Organizzazione della parrocchia di Ampére

È vero, il popolo di Dio, anzi gli uomini di oggi hanno una sete immensa, perché solo l'acqua viva, attraverso la fede e la preghiera, riesce a estinguerne la sete

di Gutti Carpineti

EVANGELIZZAZIONE

«Venite alle acque tutti voi, che avete sete»

È vero, il popolo di Dio, anzi gli uomini di oggi hanno una sete immensa, perché solo l'acqua viva, attraverso la fede e la preghiera, riesce a estinguerne la sete, tutto il resto solo stanca e inganna. La conferenza di Puebla sull’evangelizzazione è finita. Adesso si tratta di viverne i consigli e i suggerimenti.

La comunità in preghiera
La comunità in preghiera

 La nostra comunità parrocchiale di Ampére, nel Sud del Brasile, si trova già con le strutture pronte per rinnovare ancora una volta questo impegno. Si sente abbastanza forte col suo gruppo di oltre duecentocinquanta catechisti, che accompagnano i ragazzi per quattro anni nella loro formazione cristiana. Ogni catechista guida un gruppetto di quindici-venti ragazzi con incontri settimanali. Secondo gli orientamenti della pastorale diocesana ci sono due anni di preparazione all’ Eucaristia e altri due anni di preparazione alla Cresima. È anche obbligatoria l’età minima: dieci anni per la prima comunione e almeno dodici per la cresima.

A loro volta anche i catechisti si incontrano ogni due mesi, divisi per settori, per un giorno di ritiro e di formazione. L’animazione è svolta dalla equipe parrocchiale di catechisti composta dal parroco, da una suora, che lavora a tempo pieno nella pastorale, e da alcuni professori e catechisti veterani. Sono giorni di preghiera, di formazione biblica e pedagogica e occasioni di scambio di esperienze.

La catechesi continua poi nei gruppi di adolescenti e di giovani presenti in quasi ognuna delle trentatré comunità rurali e nel centro. Anche a livello di adulti continua la formazione religiosa con i «Gruppi di riflessione»: cinque-dieci famiglie che si incontrano ogni due settimane per la preghiera, lo studio di un particolare problema della vita alla luce del Vangelo e per crescere nell'amicizia. Sono le comunità ecclesiali di base.

Un momento particolare di catechesi familiare sono i tempi forti dell'anno liturgico: avvento, quaresima e pentecoste. Già il solo centro cittadino si divide in più di cinquanta gruppi, di nove famiglie ciascuno, per meditare e pregare con testi opportunamente preparati. Gli incontri di questo tipo sono a forma di novena e per ogni incontro ci si riunisce in una casa diversa. L'ultimo incontro è nella casa di tutti, la chiesa, che è però sempre troppo piccola per accogliere tutti.

La catechesi in preparazione al battesimo o al matrimonio è obbligatoria. Di quest’ultima, nel solo 1979 fino al mese di maggio, ci sono già stati tre incontri di due giorni pieni ciascuno, guidati da un’equipe composta dal sacerdote, dal medico e da sposi cristiani. Per ogni turno ci sono stati più di cinquanta coppie per volta, compreso l’ultimo che era riservato a coppie che vivevano già insieme irregolarmente da più di tre anni. Forse succede solo in missione che genitori e figli poi si sposino lo stesso giorno alla presenza dei nipotini.

Una grande incidenza nel lavoro pastorale hanno anche i ministri straordinari dell’Eucaristia: in Ampére -centro, per il momento, ce ne sono sedici. Più della metà delle comunità ne è sprovvista. Essi sono i veri animatori della vita cristiana, oltre ad essere dei veri aiutanti nella distribuzione della Santa Comunione, in solo quattro mesi ne sono state amministrate ben settantacinquemila. Ogni comunità ha il suo consiglio pastorale. Suo compito specifico, come ha evidenziato bene il Vescovo nella sua visita pastorale nel gennaio scorso, è quello di essere animatore della fede, della speranza e della carità nella propria comunità: stimolare la fede attraverso una buona catechesi a tutti i livelli; celebrare la speranza negli incontri domenicali del culto; favorire le opere di carità con le iniziative più svariate a favore di chi ne ha bisogno.

Anche nel centro cittadino, dove si trova la sede della parrocchia vera e propria, nel gennaio scorso è stato rinnovato sia il consiglio pastorale, con una elezione in piena regola, da parte di tutti i «Soci», sia anche i rappresentanti dei vari quartieri.

Anche la catechesi vocazionale, pur essendo inserita nella pastorale generale, ha i suoi momenti salienti.

Una vera comunità cristiana non può non produrre questi frutti particolari. Si è presenti, settimanalmente o mensilmente, nei gruppi di adolescenti o di giovani, con visite alle famiglie e, un giorno al mese, con un incontro di preghiera nel Seminario. Durante i mesi estivi poi si sono tenuti tre incontri di orientamento e di fraternità nel seminario: uno per ragazzi e due per giovani. Per ora si sono potute accettare solo metà delle richieste per il nuovo anno scolastico a causa della mancanza di strutture adatte.

In mezzo a tutto questo fervore di evangelizzazione e catechesi non ci si dimentica delle opere materiali; d'altra parte sono necessarie per il sostegno e la vita delle prime.

Un grande servizio nella catechesi e nell’evangelizzazione, come per qualsiasi altra iniziativa, lo presta la radio locale: Radio Ampére. Si hanno a disposizione quotidianamente dieci minuti, due volte al giorno, oltre alla trasmissione della S. Messa Vespertina del Sabato e delle due SS. Messe domenicali.

Quando si ha la possibilità e la grazia di vivere a tempo pieno la propria missione, come operai specializzati del vangelo, della vigna del Signore, ogni occasione è buona per portare agli uomini il grande annuncio della salvezza.

Venerdì 5 marzo 2021

© Riproduzione riservata

112 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: